Planetario Pythagoras
SAIt Sezione Calabria
Chi siamo

Torna indietro Tutto sul PlanetarioCos'è - Pagine viste oggi: 201

Cos'è
Introduzione|Cos'è|Chi siamo|Prenotazioni|Orario Estivo|Dove siamo|La città|L'inaugurazione

Il Planetario è uno strumento ottico-meccanico che consente di riprodurre la volta celeste, proiettando l'immagine delle stelle e dei corpi celesti su uno schermo emisferico soprastante gli spettatori. Generalmente con il termine Planetario viene identificato anche tutto l'insieme dell'edificio che ospita l'apparecchiatura di proiezione e la cupola. Opinione diffusa è che si tratti di uno strumento per l'osservazione diretta del cielo, come un telescopio. è sufficiente entrare in un Planetario per rendersi conto di come funziona questo vero e proprio "cielo in una stanza" . Un Planetario ha la possibilità di rappresentare in maniera estremamente realistica l'aspetto della volta stellata, creando nello spettatore l'illusione perfetta di trovarsi all'aperto sotto la volta celaste a guardare le costellazioni durante una nottata senza nuvole.

Un proiettore centrale focalizza sullo schermo emisferico le immagini stellari, tramite un complesso sistema di lenti. L'apparecchiatura è in grado di riprodurre i principali movimenti dei corpi celesti, o gli spostamenti apparenti dei pianeti e della Luna sulla sfera celeste. Può simulare anche il movimento diurno ed il cielo alle varie latitudine: lo spettatore può vedere il sorgere ed il tramontare degli astri in qualsiasi parte della Terra, dal polo nord all'equatore, e in qualsiasi stagione. Può simulare anche i moti secolari e millenari, quali la migrazione del polo celeste, permettendo la ricostruzione del cielo nelle più disparate epoche nel passato e nel futuro.

Curiosità
Il primo Planetario fu progettato nel 1919 in Germania dalla ditta Zeiss, che negli anni seguenti produsse modelli sempre più aggiornati del proiettore ed i relativi accessori, che non solo riproducono l'aspetto del cielo, ma sono in grado di simularne i movimenti principali. Si tratta di un proiettore molto raffinato, che utilizza come schermo una cupola semisferica bianca di dimensioni variabili tra 3 e 20/25 metri. Oggi , grazie all'applicazione dell'informatica, le simulazioni prodotte dal planetario sono infinite.

La cupola esterna del geode del Planetario Provinciale è in acciaio inox a specchio, del diametro di 12 metri. L'intera struttura (sia il telaio che la copertura esterna) è costruita interamente in acciaio inox. I posti a sedere interni sono 70.

La cupola interna, in alluminio, del diametro 8 metri è composta da  una sfera con posizionate 4500 Stelle; proiezione di tutto il Cielo: Boreale ed Australe eccetto per una piccola porzione di Cielo contenente una ventina di Stelle posta nelle vicinanze del Polo Sud. Visualizzazione Sole, Luna e Pianeti con posizionamento lungo l'asse dell'eclittica motorizzato. Moti: Precessione, Diurno e Declinazione. Visualizzazione Cerchi Orari con: linea del piano dell'Eclittica con divisione in mesi; linea dell'Equatore con divisione in ore, linea del Cerchio Meridiano con divisione in gradi. Via Lattea; Oggetti Galattici; Alba; Tramonto. Orizzonte Artificiale riproducente sommariamente il luogo ed retroilluminato. Punti Cardinali Luminosi; Visualizzazione Eclisse di Luna e di Sole; Galassia in rotazione con cambiamento di forma durante il moto; Visualizzazione Esplosione di una Supernova con formazione di una Nebulosa e nascita di alcune Stelle; Costellazioni; Indicatore Freccia Luminosa; Proiettore diapositive; Video Proiettore controllato e gestito dal Computer per inserimento effetti speciali, filmati, videoconferenze

Gestione sito
Sezione Calabria Società Astronomica Italiana

Planetario Pitagora - via Salita Zerbi - 89100 Reggio Calabria
Powered by Interlandia.net