La nube di Oort

 

Secondo l’astronomo Oort all’esterno del sistema planetario esisterebbe una nube sferica formata dai residui della sua formazione, costituiti principalmente da ghiacci, aggregata in piccoli oggetti di pochi km di diametro che talvolta, disturbati da interferenze gravitazionali, modificano la loro orbita penetrando all’interno del sistema e dando origine ad una nuova cometa.

La nube di Oort che avvolge tutto il Sistema SolareQuesta idea gli venne ispirata dalle seguenti considerazioni:

Non era mai stata osservata alcuna cometa con un'orbita che indicasse la sua provenienza dallo spazio interstellare,

C'è una forte tendenza degli afeli delle comete a lungo periodo a situarsi alla distanza di circa 50.000 UA

Non c'è una direzione predominante di provenienza delle comete.

Circa il 50% delle comete seguono un’orbita in senso orario

Basandosi su queste considerazioni egli avanzò l'ipotesi che le comete si trovano in una vasta nube situata nelle regioni esterne del sistema solare. Questa è diventata nota come la Nube di Oort.

Le statistiche suggeriscono che potrebbe contenere mille miliardi (1012) di corpi, ma  a causa delle piccole dimensioni di questi corpi e della grande distanza, non abbiamo nessuna prova diretta riguardo all’esistenza della Nube di Oort. La Nube di Oort potrebbe contenere una frazione significativa della massa del sistema solare, forse più della massa di Giove.

 

Indice Cap. 5 - Torna a Comete